Doctor Who 50th Anniversary Special – “The Day of the Doctor” (by Steven Moffat)

Speciale profondamente celebrativo. Moffat lascia un poco da parte le sue meravigliose svalvolate temporali-filosofiche e si concentra maggiormente Immaginesulla figura del Doctor. Regalandoci un vero e proprio tributo d’amore. Epicità, sentimento, humor, tutto in un unico episodio da 90 minuti.

La trama di per sè non mi ha particolarmente colpito, mi aspettavo molto di più. A compensare ci pensano però i dialoghi e le bellissime interazioni fra le rigenerazioni passate del Dottore. Il ritorno di Tennant (la mia versione preferita) è, in questo senso, gestito benissimo e l’introduzione delwarrior doctor interpretato da John Hurt calza a pennello con le atmosfere create da Moffat.

Ho particolarmente amato la scena della prigione, il momento in cui Ten e Eleven si mettono a discutere sul rivelare o non rivelare il futuro dell’una e dell’altra rigenerazione. Ma soprattutto mi hanno veramente fatto sbavare di meravigliosa gioia la comparsata di Capaldi (mi sono alzato di scatto e ho scagliato il telecomando contro il muro…urlando come un forsennato: “Sìììì cazzo!”) e la reunion dei Doctors sullo sfondo di Gallifrey.
Commovente la scena finale in cui Eleven incontra Four e non lo riconosce.

Insomma siamo ai 50 anni e Doctor Who (ahimè, io sono giovane e l’ho conosciuto solo nel 2005) ancora non demorde. Continua a incantare, meravigliare e a raccontare con teatralità e Immagineun pizzico di humor la grande fantasia che sta dietro ognuno di noi. Nonché il senso ultimo della vita di ognuno di noi: ritrovare la strada di casa.

 

 

Grazie Moffat. Grazie BBC. E grazie a tutti coloro che hanno preso parte a questo incredibile progetto.

Annunci